Come noto, sono state ulteriormente ridotte le possibilità di andare in giro liberamente per contrastare l'emergenza coronavirus. Si può uscire di casa, muniti di autodichiarazione  solo per motivate esigenze "primarie",  come andare: a lavoro, a fare la spesa (ma solo di generi di prima necessità e possibilmente in zone limitrofe alla propria residenza), a fare rifornimento di carburante e ...tabacco, e a comprare giornali, riviste e tutto ciò che può fornire un'edicola, nonchè  portare a spasso gli animali domestici e noi stessi, in zone non affollate, dove si riesce a rispettare la distanza minima di sicurezza (un metro).
Si ricorda che le esigenze dichiarate nel modulo di autocertificazione, allegato, devono essere veritiere, altrimenti si andrà  incontro a conseguenze sanziononatorie importanti, per la violazione anche di norme del Codice penale.
Per quanto possibile, per il  bene nostro  e di tutti gli altri

#IORESTOACASA

La nuova tutela “europea” del consumatore in caso di garanzia

05 dicembre 2017

Se la garanzia (fideiussione o altro), a protezione dell’adempimento delle obbligazioni di una società verso una banca, è stata rilasciata da una persona fisica, quest’ultima beneficia della tutela del “codice del consumo” ove  risulti priva di collegamenti con la società (non essendo né socio né amministratore, dipendente o collaboratore) e che abbia agito per scopi non professionali (es amicizia). Così si è espressa negli ultimi tempi la Corte di Giustizia Europea e a tale orientamento (vincolante per tutti i giudici nazionali) hanno già aderiti diversi Tribunali italiani. L’applicabilità del Codice del Consumo determina l’inefficacia di diverse clausole favorevoli agli Istituti. Come ad es quelle che: consentono di usare la garanzia nonostante sia invalida l’obbligazione garantita (es il mutuo della società) o nonostante la banca, per diversi mesi dopo la scadenza, non abbia assunto alcuna iniziativa contro il debitore; comportano una rinuncia all’informativa precontrattuale da parte del garante.

***

Avv. Arrigo Giorgini

Adusbef Emilia-Romagna - Bologna

Archivio news

 

News dello studio

giu21

21/06/2020

ADUSBEF piange la prematura scomparsa di Grazia Angelucci

ADUSBEF piange la prematura scomparsa di Grazia Angelucci

Il presidente, il comitato direttivo e tutta Adusbef, piange la prematura scomparsa di Grazia Angelucci, componente della direzione, valente avvocato del foro di Bologna nella tutela dei diritti dei

dic14

14/12/2017

In ipotesi di cessione di ramo d’azienda ed in presenza di debiti tributari

Massima: in ipotesi di cessione di ramo d’azienda ed in presenza di debiti tributari del cedente per i quali lo stesso, ex art. 14 dlgs 472/97, è tenuto in solido con il cessionario, la

dic7

07/12/2017

Sovraindebitamento

La legge n. 3 del 2012 ha introdotto anche in Italia possibili soluzioni a situazioni di evidente e perdurante squilibrio economico, in cui possono trovarsi soggetti ed imprese, non assoggettabili